Resistanza di Impatto delle Protezioni dell’Anca

Le cadute accidentali sono una delle principali cause di infortuni tra gli anziani. In particolare, le fratture dell'anca sono la più grande lesione che deriva dalla caduta in pazienti di età compresa tra 65 e 74 anni. L’analisi biomeccanica mostra che la massima forza sul fianco in caso di caduta è all’incirca tre volte il peso del corpo. Ciò può essere ridotto di circa un terzo con un dispositivo di protezione. Il dispositivo deve essere in grado di assorbire e dissipare l'energia d'urto ed essere abbastanza comodo da indossare quotidianamente.

La valutazione della prestazione di una protezione dell'anca è condotta simulando una caduta con un sistema di prova di impatto. Specificando il peso della traversa, l’altezza di caduta, la velocità e l’accelerazione, le configurazioni di prova possono essere progettate per riprodurre con precisione le forze prodotte durante una caduta. Quando un produttore di tali dispositivi di protezione richiede di fornire una soluzione di prova, consigliamo il nostro sistema di impatto CEAST 9350.

Il sistema di prova CEAST 9350, con l'opzione High Energy, consente tutte queste configurazioni, e il software di impatto visivo e il sistema di acquisizione dati DAS quando vengono utilizzati con un tup strumentato, semplificano le misure di carico massimo, il momento di massimo carico, il tempo di rottura, il tempo totale, l’energia d'impatto e l’energia a carico massimo. Una piastra piana personalizzata fissa il dispositivo e un inserto di tup di 76 mm di diametro (3 pollici) ha permesso al produttore di duplicare diverse configurazioni di pavimento.

I risultati di queste prove assistono i ricercatori e gli ingegneri nella progettazione di dispositivi di protezione, e aiutano i medici a prescrivere correttamente questi dispositivi per evitare lesioni al paziente.