Velocità di Sollecitazione

Solo tipo di prova su metalli La velocità di sollecitazione è una velocità specificata in termini di velocità di sollecitazione, ma eseguita sotto controllo di posizione. La velocità iniziale viene calcolata dividendo il valore della velocità di sollecitazione per il modulo nominale di elasticità e moltiplicando il quoziente per il tratto utile del provino. Velocità iniziale = (velocità di sollecitazione target/modulo nominale di elasticità) * tratto utile (parallelo) del provino Nota: deve essere disponibile il modulo nominale per il materiale sul quale si sta eseguendo la prova. Se non si conosce il modulo nominale del materiale, è necessario eseguire una prova su un provino per determinarne il modulo. La velocità di sollecitazione desiderata viene convertita in una velocità di deformazione equivalente con il calcolo precedente. La velocità di deformazione viene controllata con l'algoritmo Velocità di deformazione. Il modulo è efficace soltanto nella regione elastica lineare, in cui lo sforzo è proporzionale alla deformazione. Quando la relazione lineare tra lo sforzo e la deformazione non è più valida (cioè durante lo snervamento), questo modo di controllo non è più in grado di mantenere la velocità di sollecitazione desiderata. Di conseguenza, il modo di controllo della velocità di sollecitazione dovrebbe essere utilizzato soltanto nella regione elastica prima dello snervamento, generalmente nella Rampa 1 della prova. Se fosse necessario mantenere una velocità di sollecitazione costante e precisa, sarebbe preferibile utilizzare il controllo Sforzo in trazione, una versione del controllo del carico completamente a loop chiuso. Poiché la velocità di sollecitazione utilizza l’algoritmo della velocità di deformazione, non si tratta di un vero modo di controllo dello sforzo e quindi è consigliabile controllare i dati, per verificare che siano conformi ai requisiti dello standard in base al quale si sta eseguendo la prova. Determinare la curva sforzo/deformazione e calcolare la parte lineare della curva per verificare che le prove siano conformi ai requisiti di velocità di sollecitazione dello standard. Sebbene si inserisca la velocità di sollecitazione target, la velocità di sollecitazione reale potrebbe non essere corretta se il modulo nominale o il tratto utile (parallelo) del provino non sono corretti.